Pavillon ARTaud | Arte e didattica della multimedialità

Homepage sito 150 storia d'Italia

150 Storia d’Italia negli Archivi Alinari

Lascia un commento

Con 15.000 fotografie archiviate, il portale 150 Storia d’Italia negli Archivi Alinari offre una panoramica dei fatti più significativi e dei principali personaggi che hanno fatto la storia del nostro Paese. E ancora, opere d’arte, spaccati di vita quotidiana, paesaggi noti o angoli remoti dell’Italia, il tutto raccolto in album virtuale da sfogliare online.

Frutto della collaborazione fra l’Università IULM, l’Università degli Studi di Milano e Fratelli Alinari – Fondazione per la Storia della Fotografia, il progetto (che ha visto la luce grazie al contributo di Fondazione Cariplo) è stato presentato il 22 ottobre 2012, all’Università IULM in occasione dell’incontro “La scuola digitale del futuro”, centrato sui nuovi orizzonti della didattica raggiungibili attraverso l’utilizzo delle più moderne tecnologie informatiche.

Dall’Unità d’Italia all’oggi, dall’Incontro di Teano alla Seconda Repubblica, da Crispi a Berlusconi, passando per le due Guerre Mondiali. Dal Brigantaggio a Tangentopoli, dal boom economico all’austerity degli anni ’70. Da Cinecittà allo stabilimento Fiat di Mirafiori. Da Quo Vadis alla ‘500. Il portale è un archivio di immagini capace di regalare spaccati del passato e del presente. 

Il sito è suddiviso in quattro macroaree:

  • Politica e Istituzioni
    “Che cosa significa per un Paese essere moderno? Probabilmente non esiste una risposta univoca che possa avere una validità universale. In generale si potrebbe dire che un Paese è moderno quando è in gradodi allinearsi alle esperienze più avanzate presenti nella società internazionale e dirispondere positivamente alle sollecitazioni del cambiamento, proponendo, pur entro certi limiti, soluzioni originali che possano a loro volta servire da esempio per altri.”
  • Vita quotidiana
    “Muovendosi tra economia e società il ‘visitatore’ vede scorrere davanti a sé immagini di un paese che al momento dell’Unità era povero, ancora prevalentemente agricolo, nel quale la grande maggioranza della popolazione viveva in misere abitazioni prive di servizi igienici e in contesti a cui erano ancora largamente sconosciuti scuole, ospedali e molte delle strutture a cui siamo oggi abituati. Vede poi come a poco a poco, fra mille contrasti e contraddizioni, per effetto delle forze dell’economia e dei mercati e per la consapevole azione dello Stato, il quadro della vita materiale si sia modificato.”
  • Paesaggio e territorio
    “Nelle arti figurative il paesaggio è l’insieme delle linee, volumi, luci e colori di una scena naturale osservata in un certo istante; in letteratura il paesaggio è visto come riflesso ed evocazione di stati d’animo e ricordi individuali; l’urbanistica individua diversi tipi di paesaggio quale risultato di un complesso di fenomeni, non necessariamente di tipo naturale, omogenei dal punto di vista funzionale (paesaggio urbano, agrario, industriale), ovvero quale manifestazione di alcune situazioni limite negli insediamenti umani (periferie, città degli affari, centri commerciali, ecc.).”
  • Cultura e scienza
    “Il Paese dell’arte e della cultura. È questa forse la prima definizione che viene in mente a un qualsiasi straniero che pensi all’Italia. E non è un luogo comune: l’Unesco ha certificato che l’Italia è la nazione con il più grande
    patrimonio culturale al mondo (luoghi di interesse, musei, monumenti). Ma non è solo una questione d’arte. Il contributo culturale che nella sua lunga storia la “regione Italia” ha saputo costruire è fondante di quello che oggi chiamiamo mondo occidentale.”

Ognuna delle macroaree è a sua volta suddivisa in ulteriori sottopercorsi, corredati da testi scientifici (curati dal Centro MIC Moda Immagine Consumi dell’Università degli Studi di Milano) che illustrano l’Italia in tutti i suoi aspetti: storia, società, arte, comunicazione, spettacolo, giustizia, …
Le immagini (facili da individuare grazie a un semplice e intuitivo sistema di ricerca) sono sempre corredate da schede descrittive.

Un’ulteriore sezione è costituita da quattro laboratori didattici (L’Italia in posa, L’album di famiglia, L’obiettivo città, Gli Alchimisti della luce) che, complementari alle quattro macroaree e progettati dalla Sezione Didattica della Fondazione Alinari, costituiscono la sezione del portale dedicata al percorso educativo, rivolta a un pubblico scolastico giovanissimo.

Lo sviluppo del progetto è stato supportato dal Gruppo 24Ore Cultura.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...