Pavillon ARTaud | Arte e didattica della multimedialità


Lascia un commento

39 film non americani consigliati da Scorsese

In copertina:
l'elenco dei 39 film non americani consigliati da Scorsese a Levy.
Cliccare qui per l'immagine ingrandita.

Un articolo del magazine online Openculture ha raccontato la storia di Colin Levy, un giovane regista americano che nel 2006 ha avuto l’occasione di incontrare Martin Scorsese ricavandone una lista di film consigliati dallo stesso Scorsese.

Levy incontrò Scorsese durante la visita nei suoi uffici, premio per il concorso giovanile YoungArts, vinto con un cortometraggio di 5 minuti realizzato al liceo: dopo un breve giro, Levy incontrò Scorsese in persona, in quello che definì «un momento decisivo nella mia carriera di regista». (fonte: Il Post)

Nella lista, sono compresi fra gli altri, diversi film del neorealismo italiano – come Paisà di Roberto Rossellini e Ladri di biciclette di Vittorio De Sica – tre film del regista giappone Akira Kurosawa e altrettanti di Rainer Fassbinder, noto regista tedesco.

Locandina mostra


Lascia un commento

Mostra “Man Ray a Villa Manin”

Dal 13 settembre 2014 all’11 gennaio 2015 Villa Manin a Passariano di Codroipo (Udine) ospita una mostra dedicata a Man Ray (1890-1976), con oltre 300 opere fra fotografie, oggetti, dipinti, disegni e film sperimentali di uno degli artisti più significativi del Novecento, autore di vere e proprie icone del secolo scorso come Le Violon d’Ingres Noire et blanche.
La mostra attraversa tutta la vita dell’artista, dagli anni d’esordio alle prime opere dadaiste; dall’arrivo a Parigi nel 1921, alla fuga dalla Francia occupata dopo un ventennio di attività intensissima; dagli anni di Hollywood, dove Man Ray si stabilisce al ritorno in America, agli ultimi due decenni di vita trascorsi a Parigi.
Durante il periodo di apertura della mostra è in programma la proiezione dei suoi film La retour a la raisonL’etoile de mer ed Emak Bakia, con musiche originali composte da Teho Teardo. (Fonte: Il Post)

Presentazione sul sito di Villa Manin, con scheda biografica e galleria opere
Galleria immagini sul portale Rai Cultura

John Cage


Lascia un commento

Anniversario John Cage

John Cage oggi avrebbe compiuto 102 anni.
È stato anzitutto musicista e compositore, ma anche scrittore, performer, pittore, un vero artista multimediale. Le voci a lui dedicate su Wikipedia e su Enciclopedia Treccani (quest’ultima con vari approfondimenti) presentano sinteticamente ma bene il suo lavoro, la sua poetica e le varie fasi della sua opera. Importanti per conoscere la figura del compositore americano, sono anche il sito e il blog ufficiali del John Cage Trust, istituzione non-profit «la cui missione è quella di raccogliere, organizzare, conservare, diffondere, e in generale ulteriormente il lavoro del compianto compositore americano John Cage.» Inoltre si può segnalare il sito John Cage in Italia, il cui proposito «è di costruire lentamente e pazientemente un solido riferimento per i passaggi di John Cage in Italia i quali, in un modo o nell’altro, hanno segnato il suolo di questo paese indelebilmente.»

«È considerato una delle personalità più rilevanti e significative del Novecento. La sua opera è centrale nell’evoluzione della musica contemporanea.» (Fonte: Wikipedia); sperimentale e innovatore, fin dal primo periodo della sua attività, è il suo approccio alla composizione musicale, contrassegnato da una volontà di contaminazione con la matematica e le arti visive, con le filosofie orientali e dal carattere aleatorio.  Continua a leggere

Copertina Visti & Scritti


Lascia un commento

Ferdinando Scianna: la sua vita in 350 scatti

«Per Ferdinando Scianna, uno dei più grandi ed importanti maestri della fotografia che abbiamo nel nostro Paese, c’è una sottile linea che separa la realtà dai sogni. Ce lo conferma con il suo nuovo libro, Visti & Scritti (Contrasto, pagg. 432, euro 24,90), nato proprio da un sogno ricorrente, “una piazza gremita di persone attraverso le quali ho vissuto la vita”, una di quelle in cui ci sono i vivi ed i morti, ci sono i suoi amici ed i suoi maestri, i ricordi della sua vita ricca di esperienze e di incontri straordinari che da Bagheria, in Sicilia, dove è nato nel 1943, lo hanno portato a viaggiare in tutto il mondo.» (Fonte: L’Affington Post, nell’articolo di Giuseppe Fantasia c’è una galleria con alcune fotografie tratte dal libro). Continua a leggere

Un'immagine dal blog Movies In Color


Lascia un commento

I colori dei film. Due siti per scoprirli

In copertina:
un'immagine dal blog Movies In Color

Due progetti in rete si occupano di esaminare e classificare i colori prevalentemente utilizzati nei fotogrammi dei film.
Sono rispettivamente Movies In Color, della studentessa americana di graphic design Roxy Radulescu e The Colors Of Motion, creato da Charlie Clark, sviluppatore e designer con sede a Brooklyn.  Continua a leggere


Lascia un commento

Gli spot d’autore

In copertina:
Martin Scorsese sul set dello spot
per Dolce & Gabbana "Street of Dreams"

È da molto tempo che le agenzie di pubblicità si rivolgono a rinomati registi e maestri del cinema per realizzare spot pubblicitari.
Già dall’epoca di Carosello, contenitore di comunicati commerciali andato in onda sulla Rai dal 1957 al 1977 (qui una presentazione con video dal sito di Rai Storia, qui la voce Wikipedia), diversi importanti registi si sono cimentati nella produzione dei brevi filmati che caratterizzavano il programma (gli spot di Carosello dovevano durare 2’15”, di cui 1’45” di spettacolo – il cosiddetto “pezzo” – rigidamente separato dai successivi 30″ – il “codino” – dedicati alla comunicazione pubblicitaria). Si possono ricordare: Ermanno Olmi per Cinzano (1969) e i fratelli Taviani per Algida (1969).  Continua a leggere

Andy Warhol si inginocchia davanti a Alfred Hitchcock. Foto di Jill Krementz


Lascia un commento

Omaggio a Hitchcock

In copertina:
Andy Warhol si inginocchia davanti a Alfred Hitchcock.
Foto di Jill Krementz

Nel 50° anniversario del film Marnie, è stata allestita una mostra dal titolo Alfred Hitchcock nei film della Universal Pictures (Parma, Palazzo del Governatore, dal 17 luglio al 9 novembre 2014), che presenta fotografie, video e altri contenuti sul regista inglese e sui film da lui prodotti con la major americana (ved. articolo sul sito Artribune).

È l’occasione per proporre anche qui un omaggio al Maestro del brivido, con alcune note sulla sua attività e la segnalazione di alcuni interessanti contributi web che si ispirano alla sua figura e alla sua opera.

«Sono un regista vittima di uno stereotipo.
Se girassi “Cenerentola”, il pubblico si aspetterebbe
un cadavere nella carrozza» 
(A. Hitchcock)

Continua a leggere

Ragazza afghana, fotografia di Steve McCurry


Lascia un commento

Interviste a fotografi e a photo editor

In copertina:
"Ragazza afghana", fotografia di Steve McCurry,
uno dei fotografi intervistati

Il sito Maledetti fotografi è un magazine online recentemente fondato da Enrico Ratto, che pubblica con una frequenza almeno mensile delle interviste a noti personaggi del mondo della fotografia.  Continua a leggere

Rembrandt, Lezione di anatomia del dottor Tulp


Lascia un commento

Opere d’arte animate. I quadri prendono vita

In copertina:
Rembrandt, Lezione di anatomia del dottor Tulp.
Uno dei quadri inseriti nel video animato "Beauty"
di Rino Stefano Tagliaferro

C’è una pratica che mette in relazione la storia dell’arte con la motion graphic. Consiste nella realizzazione di prodotti video che hanno come tema la rivisitazione animata di quadri famosi di varie epoche, in chiave interpretativa, poetica, ironica, dissacrante, ecc.
Le opere vengono riproposte con oggetti o personaggi della scena rappresentata in movimento, con elementi aggiunti che compiono azioni o interagiscono con le parti dei dipinti oppure con variazioni di punti di vista che esplorano lo spazio virtuale dell’opera, mettendo in evidenza particolari, espressioni o atteggiamenti presenti.
Continua a leggere

Calendario Pirelli 2014, mese di gennaio


Lascia un commento

Calendari fotografici d’autore

In copertina:
mese di gennaio del Calendario Pirelli 2014,
fotografia di Helmut Newton

«Dagli anni 80 i calendari diventarono popolari, oggetto di regalo per le industrie, allegati ai giornali, venduti nelle edicole e i contenuti sempre più stupefacenti (dalle attrici nude ai calciatori, dal calendario del Grande Fratello a quello sui tatuaggi).
Accanto ai calendari popolari crescevano i calendari artistici che valorizzavano i fotografi e creavano lavoro per i fotografi stessi. Calendari prodotti per le grandi industrie come oggetto di regalo. Calendari sofisticati venduti in particolari punti vendita con fotografie di artisti celebri.
Insieme si è sviluppato il piccolo collezionismo di calendari celebri e con questo la parola “calendario fotografico” ha perso un po’ il significato originario per diventare in realtà una raccolta di belle fotografie o in certi casi una raccolta di soggetti più o meno ambiti dal fruitore del calendario. Quindi un oggetto da tenere, da conservare, da appendere, da mostrare, da incorniciare.
Oggetto di collezionismo per gli appassionati di fotografia. E un oggetto così prezioso deve avere alcune caratteristiche essenziali: un contenuto importante, un editing scrupoloso e creativo insieme e una confezione perfetta. Intesa come carta, stampa, grafica.»

Così scrive Grazia Neri, direttrice dell’agenzia fotografica omonima, nel 2009 a proposito dei calendari fotografici, in occasione della mostra dei Calendari Epson alla Triennale di Milano.

Nel vasto e variegato panorama dei calendari fotografici che vengono donati, distribuiti attraverso riviste o venduti, occorre ricordare quei calendari che, coinvolgendo artisti o maestri della fotografia, si distinguono per l’originalità del progetto, la qualità delle immagini e il pregio della confezione.
Vediamone alcuni.  Continua a leggere