Pavillon ARTaud | Arte e didattica della multimedialità

Ragazza afghana, fotografia di Steve McCurry


Lascia un commento

Interviste a fotografi e a photo editor

In copertina:
"Ragazza afghana", fotografia di Steve McCurry,
uno dei fotografi intervistati

Il sito Maledetti fotografi è un magazine online recentemente fondato da Enrico Ratto, che pubblica con una frequenza almeno mensile delle interviste a noti personaggi del mondo della fotografia.  Continua a leggere

Annunci
Calendario Pirelli 2014, mese di gennaio


Lascia un commento

Calendari fotografici d’autore

In copertina:
mese di gennaio del Calendario Pirelli 2014,
fotografia di Helmut Newton

«Dagli anni 80 i calendari diventarono popolari, oggetto di regalo per le industrie, allegati ai giornali, venduti nelle edicole e i contenuti sempre più stupefacenti (dalle attrici nude ai calciatori, dal calendario del Grande Fratello a quello sui tatuaggi).
Accanto ai calendari popolari crescevano i calendari artistici che valorizzavano i fotografi e creavano lavoro per i fotografi stessi. Calendari prodotti per le grandi industrie come oggetto di regalo. Calendari sofisticati venduti in particolari punti vendita con fotografie di artisti celebri.
Insieme si è sviluppato il piccolo collezionismo di calendari celebri e con questo la parola “calendario fotografico” ha perso un po’ il significato originario per diventare in realtà una raccolta di belle fotografie o in certi casi una raccolta di soggetti più o meno ambiti dal fruitore del calendario. Quindi un oggetto da tenere, da conservare, da appendere, da mostrare, da incorniciare.
Oggetto di collezionismo per gli appassionati di fotografia. E un oggetto così prezioso deve avere alcune caratteristiche essenziali: un contenuto importante, un editing scrupoloso e creativo insieme e una confezione perfetta. Intesa come carta, stampa, grafica.»

Così scrive Grazia Neri, direttrice dell’agenzia fotografica omonima, nel 2009 a proposito dei calendari fotografici, in occasione della mostra dei Calendari Epson alla Triennale di Milano.

Nel vasto e variegato panorama dei calendari fotografici che vengono donati, distribuiti attraverso riviste o venduti, occorre ricordare quei calendari che, coinvolgendo artisti o maestri della fotografia, si distinguono per l’originalità del progetto, la qualità delle immagini e il pregio della confezione.
Vediamone alcuni.  Continua a leggere

Inquadratura da Sunset Boulevard


Lascia un commento

I luoghi dei delitti

In copertina:
 la celebre inquadratura in "falsa soggettiva" della piscina
 tratta dal film Sunset Boulevard di Billy Wilder (1950)

Uno dei soggetti più trattati in ambito fotografico è la rappresentazione dei luoghi. Paesaggi, reportage geografici, street photography sono alcuni generi fotografici che esibiscono scorci o panoramiche di località e sono in grado, nei casi migliori, di restituirne efficacemente l’aspetto estetico, la conformazione, le atmosfere e gli stili di vita.

Vari autori, invece, hanno preso in considerazione, con diversi approcci, dei tipi particolari di luoghi: quelli in cui sono stati commessi dei delitti. Questa scelta è motivata sicuramente da una esigenza di documentazione dei fatti che lì si sono svolti, ma permette anche di riflettere sulle storie individuali e sui drammi umani che contengono e sui risvolti sociali e politici a cui rimandano, non trascurando le componenti visive e concettuali delle immagini.

Di seguito presento alcuni di questi progetti fotografici.
Continua a leggere

Homepage sito 150 storia d'Italia


Lascia un commento

150 Storia d’Italia negli Archivi Alinari

Con 15.000 fotografie archiviate, il portale 150 Storia d’Italia negli Archivi Alinari offre una panoramica dei fatti più significativi e dei principali personaggi che hanno fatto la storia del nostro Paese. E ancora, opere d’arte, spaccati di vita quotidiana, paesaggi noti o angoli remoti dell’Italia, il tutto raccolto in album virtuale da sfogliare online.

Frutto della collaborazione fra l’Università IULM, l’Università degli Studi di Milano e Fratelli Alinari – Fondazione per la Storia della Fotografia, il progetto (che ha visto la luce grazie al contributo di Fondazione Cariplo) è stato presentato il 22 ottobre 2012, all’Università IULM in occasione dell’incontro “La scuola digitale del futuro”, centrato sui nuovi orizzonti della didattica raggiungibili attraverso l’utilizzo delle più moderne tecnologie informatiche.

Dall’Unità d’Italia all’oggi, dall’Incontro di Teano alla Seconda Repubblica, da Crispi a Berlusconi, passando per le due Guerre Mondiali. Dal Brigantaggio a Tangentopoli, dal boom economico all’austerity degli anni ’70. Da Cinecittà allo stabilimento Fiat di Mirafiori. Da Quo Vadis alla ‘500. Il portale è un archivio di immagini capace di regalare spaccati del passato e del presente.  Continua a leggere